Bio

BIOGRAPHY

Liliana Santandrea was born in Faenza on April 15 1952; she lives and works in Bagnacavallo (Italy), where she is also the education officer and art teacher of the local art school Scuola Comunale d’Arte Bartolomeo Ramenghi.

In 1972 Liliana Santandrea was awarded a diploma at Liceo Artistico in Ravenna, Italy, where she was a pupil of artist Giulio Ruffini; in 1976 she obtained her art teaching qualification. Between 1983 and 1988 Liliana spent long periods of time in Venice, where she perfected her print making skills at the international school Scuola Internazionale di Grafica; the artists she met there, and in particular a period of collaboration with Riccardo Licata, were crucial for the development of the experimental research that she is still working on today. Amongst various collaborations, particularly worth of mention is the one with Tonino Guerra in 2011.

The artistic language of Liliana Santandrea focuses on a continuous exploration and intense meditation on the relationship between human beings, nature and industrial production. Her artwork traces the underlying geometry of form and explores primary instincts, myths and emotional states of ancient and contemporary lives.
Liliana’s artwork consists of mental images that open up to a narrative sense, where there is a personal vision of the historic and emotional dimension of existence.

BIOGRAFIA

Liliana Santandrea è nata a Faenza il 15 aprile 1952, vive e lavora a Bagnacavallo. Attualmente ricopre il ruolo di direttore didattico e quello di docente presso la Scuola Comunale d’Arte “Bartolomeo Ramenghi” di Bagnacavallo.
Nel 1972 si diploma al Liceo Artistico di Ravenna dove è stata allieva del maestro Giulio Ruffini e nel 1976 si abilita all’insegnamento della Educazione Artistica.
Tra il 1983 e il 1988 soggiorna per lunghi periodi a Venezia, per perfezionare i suoi studi sulle tecniche calcografiche, presso la Scuola Internazionale di Grafica. Gli incontri con gli artisti che vi operano e in particolare il periodo di lavoro con Riccardo Licata sono stati assai significativi per l’attività di ricerca sperimentale che l’artista ha svolto successivamente e che tuttora sta portando avanti. Fra le esperienze da ricordare la lunga collaborazione con il suo maestro Giulio Ruffini e quella con Tonino Guerra nel settore della incisione.

La sua espressione artistica rivela una continua indagine e un’intensa meditazione sul rapporto fra uomo, natura e produzione industriale. Nelle sue opere l’artista rileva la geometria sotterranea che soggiace alla forma, in esse convergono pulsioni primarie, miti e stati emozionali di vissuti remoti e contemporanei.

Esposizioni:

2017
HABITAT Galleria Gadarte
Personale, Firenze

2017
STILL LIFE, InArte Werkkunst Gallery
Group Show ,Berlino

2017
Arte Fiera Milano, Milano.

2016
Matilde incisa, Rocca dei Bentivoglio, Bazzano, Bologna.
Arte Fiera Milano, Milano.
Natural-mente natura , Palazzo Albertini, Forlì.

2015
Impressioni allo specchio, Biblioteca Palatina, Parma.
Arte Fiera Milano, Milano.

2014
Italian Method 2, Brick Lane Gallery, Londra.
“Impressioni a specchio” , Museo della stampa, Soncino.
Dimensione verticale , Annafietta, Ravenna.
Chi non si maschera? , Museo Glauco Lombardi, Parma.
Sfumature di grigio , Castello Estense, Ferrara.

2013
“European Sternen”, Reuss Galerie, Berlino.
Natural-Mente Natura, Riolo Terme.
I sette vizi capitali, Galleria il Bisonte, Firenze.
Affordable Art Fair, Milano
L’urlo del silenzio, Palazzo Albertini, Forlì.
Terra Tremuit, Museo della Sanità, Bologna.
Arte Piacenza, Piacenza.
Inferno, Purgatorio, Paradiso, Palazzo Garagnani, Crespellano (BO).

2012
Affordable Art Fair, Amburgo.
Carving my-self, Museo delle Cere Luigi Cattaneo, Alma mater Studiorum, Università degli Studi di Bologna.
Scritture d’acqua, Sale della Meridiana, Castello di Vignola.
Christmas Exhibition, Galleria Wikiarte, Bologna.
Vernice Art Fair, Forlì.
Amica/mente a Vittorio Mascalchi, Palazzo San Giacomo, Russi – a cura di Enzo Dall’Ara e Lorenza Altamore.
PERSONALE, Dimensione verticale, Chiesa di San Girolamo, Bagnacavallo.

2011
Insieme, Magazzini del Sale, Cervia – a cura di Enzo dall’Ara.
Duplicare il mondo, Museo Arti e Mestieri, Pianoro.
Specchia-menti, Complesso Monumentale del Mauriziano, Reggio Emilia – a cura di Marzio Dall’Acqua e Marco Fiori.
SE-IPSUM l’autoritratto nella incisione da Rembrandt a De Chirico, da Goya agli artisti contemporanei, Museo Civico delle Cappuccine, Bagnacavallo.

2010
Triennale di grafica Chamaliéres, Francia.
Graveurs contemporains français & italiens, Ville de Chamont, Francia.
Dialoghi d’amore fra carte e inchiostri, Soprintendenza Archivistica per l’Emilia Romagna, Palazzo Angelelli Hercolani Fava Simonetti, Bologna.
Incisioni per una cupola, Museo della Sanità e della Assistenza, Bologna.
Solchi seminati d’inchiostro, Sala Consigliare della Partecipanza, San Giovanni in Persiceto – a cura di Marzo Dall’Acqua e Marco Fiori.

2009
PERSONALE, Arte in cantina fra antichi tini, Predappio.
La Madonna dell’Accoglienza, ceramica posta sotto la volta della Porta Superiore all’ingresso di Bagnacavallo.
L’artista allo specchio del reale, mostra itinerante, Loggia della Fornace, Pianoro, Sala Rosa, Budrio, Sala della Partecipanza, Pieve di Cento.
Dialoghi d’amore fra carte e inchiostri, Sovrintendenza Archivistica, Bologna.
Fra carte e inchiostri, Bertinoro e Museo delle Mura di Bologna.
L’inchiostro nel segno, Villa Garagnani, Zola Predosa.
Dieci artisti per EnoArte, Casa Natale Mussolini, Predappio – a cura di Enzo Dall’Ara.

Esodi - EnzoDall'Ara - Predappio 2009

Esodi – EnzoDall’Ara – Predappio 2009

 

2008
PERSONALE, La montagna e l’uomo, Sala del centro visite al Parco Nazionale Foreste Casentinesi, Tredozio.
L’inchiostro nel segno, San Pietro in Casale – a cura della Associazione A.I.E.R.
Omaggio a Piazza Nuova, Piazza Nuova, Bagnacavallo.
EnoArte, L’universo del vino, Predappio – a cura di Enzo Dall’Ara.

2007
PERSONALE, La montagna e l’uomo, Spazio arte e arredo, Ravenna.
La modernità di Saffo nel vissuto di un’artista, Rocca di Caterina Sforza, Forlì – mostra ideata da Lorenza Altamore.
I segni dell’acqua & il testimone del rame, Galleria l’Ariete, Bologna.
Ceramica italiana, Sala Municipale, Neresheim (Germania).

La montagna - 2008

La montagna – 2008

 

2006
PERSONALE, La montagna e l’uomo, Galleria Artepiù, Lugo di Romagna – presentazione di Franchino Falsetti.
Altrove, Sala del Paradisino, Modena e Archiginèsi di Bologna.
Kunstmesse dell’Arte di Salisburgo.

2005
Il Grande Seme della Pace, scultura posta nel parco Togliatti a Bagnacavallo, realizzata con la collaborazione di un gruppo di artisti della Scuola d’Arte B. Ramenghi di Bagnacavallo.
E-20 naturali, Sala Silentium, Bologna.
Restart, Teatro Testori, Bologna.
Pace e Guerra, Municipio di San Lazzaro di Savena.
Grafica, Aix-en-Othe, Francia.

2003 e 2004
Angeles, mostra itinerante, Sala de Exposiciones C. C. Villa de Mostoles, Centro Cultural Quinta del Berro, Centro Integrato Arzaguela, Madrid.

La caduta dell’Angelo 2002

 

2001
Premiata al “XIX” Premio Firenze, Salone di Palazzo Vecchio, Firenze.
Studio Logos, Roma.
Le stanze di Diana – Galleria Comunale di arte moderna e contemporanea di Piombino.
Arte Fiera, Padova.

2000
Artisti in Fiera, Parma.
Etruria Arte, Venturina.
Immagina, Reggio Emilia.

1999
PERSONALE, Fra Oriente e Occidente, Sala Palazzo Vecchio, Bagnacavallo e Fondazione Xante Battaglia, Milano.
Poetiche Alchimie, Palazzo del Comune, Neresheim (Germania).

1997
Arte Donna, Sassari.

1996
The 3rd Cairo International Biennale for Ceramics, The Museum of Modern Egyptian Art, Cairo.

1995
La desolazione, il dolore, la speranza, Museo civico, Bagnacavallo – a cura di Carlo Polgrossi.
Equilibri Instabili, Sala AICS, Torino.

1994
Galleria Nova Sin, Ostrava (Repubblica Ceca).

1993
Centro Culturale Paranaense di cultura Curibita, Brasile.
Premiata al Premio Europa Unita, Sassari.
Biennale di Ceramica, Museo Internazionale delle Ceramiche di Faenza.

1990
Sala dell’Unione degli Artisti Plastici di Romania, Bucarest e Poliesti.
Art d’Italia, Centro Culturale di Alcoi e Centro Culturale di Ibi, Spagna.

1988
PERSONALE, AOTIDE, Lavagna

Anni Ottanta
Partecipa a diverse esposizione collettive di grafica: Venezia, Museo Provincial de Bellas Artes Ciudad de la Plata di Buenos Aires, Galleria C.B.B. Wuppertal in Germania, museo di Lubin in Polonia.